South Sardinia, tra spiagge Wild e Sabbia dorata. 

Il Sulcis non si finisce mai di esplorare! 

Quest’anno le vacanze sanno ancora di sale. Nonostante il gran caldo in Italia e nonostante abbia sognato per notti intere un po’ di relax in montagna ..e perché no ..al lago, la meta sarda resta ancora tra le mie preferite! 

Estate 2017 e la Sardegna sud ovest- dove è poco il turismo – e dove la roccia e la sabbia dominano quest’isola, dalle meraviglie inconfondibili. 😘

Per chi come me è amante del relax ma conserva anche lo spirito wild-  la Sardegna é perfetta. Perché : fai il bagno rilassante e godi dell’azzurro mare – o.. cerchi location suggestive arrampicandoti o camminando selvaggiamente dove sta alla natura dominare. 

Lo sapevate che la Sardegna nasconde grotte kilometriche? 

Tornando al mare..

Così la spiaggia di MASUA, che apre il suo scenario con uno dei faraglioni più belli dell’isola, il Pan di zucchero , si piazza al primo posto e si riconosce per il suo mood hipster e deciso, come fosse un ‘piatto del giorno’ appena pronto. 


Il mare non si fa dei problemi  a sfoggiare tutte le sue onde in corsa, il vento viaggia a velocità incredibili se si parla di vento di maestrale e qui.. dove la roccia comanda e l’acqua controlla, sboccia uno scenario da film praticamente ogni giorno. Semplicemente stupendo. 

Il secondo posto delle spiaggie sarde degne di nota come zona sud ovest, se lo giudica Porto Pino. Sabbia bianca come cipria, acqua azzurro cristallino commovente e spiaggia chilometrica che si apre in un quadro soffice con le sue dune naturali ora protette ai turisti, e sul fondo tutta la scogliera che porta al capo di Teulada. 

Porto Pino nelle stagioni di inizio e fine estate è meravigliosa. 


Le dune di sabbia nel parco naturale a Porto Pino


Sulla parte retrostante la spiaggia c’è invece una vegetazione naturale formata da Pini e Lecci lunga tutto il perimetro marino. E ancora di più curiosa e naturalmente bella , la natura di Porto Pino riserva uno degli stagni più importanti che ci sono e regnano di vegetazione naturale formata da piante acquatiche, e dove è possibile vedere aironi, gabbiani, e spesso fenicotteri rosa. 

Lo stile vacanziero e marittimo a seguire al Terzo posto, lo riservo all’ isola di Sant’ Antioco, raggiungibile dalla strada che collega le due isole formata da un unico ponte lungo circa 10 km.

Questa zona è curata e le sue spiaggie sono davvero suggestive.

Quest’anno sono tornata a Co Quaddus, perché li ho sempre visto una delle spiaggie più particolari, e dove la panoramica mozzafiato è raggiungibile facilemente a piedi, scarpinando sopra le rocce nel mezzo della vegetazione che costeggia la spiaggia. 

L’isola di S.Antioco vanta oltre alle diverse spiaggie da visitare come Spiaggia Grande, Cala Lunga, Cala sapone, Co Quaddus, Turri, ( e sono solo alcune tra le bellissime ) di un centro storico davvero romantico e bizzarro . 

Diviso tra vicoli e viali alberati, S.Antioco ha due piazzette deliziose piene di vita la sera e con molti piccoli negozietti di ogni genere. 

Ma c’è di più. In fatto di food vanta uno dei migliori ristoranti della zona Sulcis, e se dico che i piatti sono commoventi e che servirebbe un critico a valutarli.. dico la verità!

Se passate di lì.. andate DA ACHILLE il ristorante sotto l’albergo ‘Hotel moderno’. E andate sul sicuro, sarete accolti con stile e mangerete benissimo! 

Crudità di gambero rosso, con salsa lime ed erba di campo. La mia preferita.


Antipasto di astice alla catalana rivisitato con aroma al finocchio su letto di pomodori e crema di astice e lime.

A seguire gli altri piatti ve li lascio immaginare… 😊

Che dire di più? Il Sulcis come zona è piena di sorprese ed è meno turistizzata rispetto al nord Sardegna. Ma in fin dei conti lo preferisco ancora, perché posso vedere particolarità locali e godere del paradiso marino senza scavalcare o disturbare nessuno. 

È wild, ecco perché mi piace! 

Posizione numero 4, di bellezza unica. Porto Paglia. Sabbia dorata, formata da granelli di corallo e rocce che non si attaccano troppo , morbida e dove è possibile affondare i propri piedi come nessuna sabbia sa fare. È simpatico da dire ma è realmente così! 

Porto paglia riserva una spiaggia chilometrica, dorata e molto selvaggia. Ci si arriva via strada e percorrendo un’area naturale fatta di gradini naturali, ma preceduta da immense vasti campi di grano ti hanno degli alberi secolari veramente piegati dal vento una cosa impressionante roba da film il Signore degli Anelli..


Merita di essere vista per la sua panoramica e la trasparenza dell’acqua. È una piaggia strong perché con le correnti presenti il fondale cambia spesso di altezza e bisogna essere bravi nel nuoto per poterla affrontare. 

Sul tema vento di maestrale è una delle più pericolose, ovviamente frequentata da surfisti e Wind surf di zona, ma comunque molto tenuta doccio per via della sua tipica formazione. 
In assenza di vento è un vero paradiso.

Spiaggia di Portopaglia

E per arrivare al numero 5 Della lista sulle spiaggie più belle del Sulcis, avrei una nota stellata anche per l’isola di Carloforte, appunto la città Carloforte e le sue spiaggie. 

Dal traghetto che parte da Portoscuso si raggiunge l’isola in 45 minuti circa, e si prosegue o nella città che è una palette incredibile di colori pastello e vicoli napoleonici colorati e fioriti tutti da vedere, oppure si passa dalle strade che costeggia l’isola fino alle spiaggie da visitare tra lui spiaggia la Bobba , una bellissima realtà intima e “antivento” tra le più apprezzate dai turisti e paesani. 

Soiaggetta la Bobba vista dall’alto

Le rocce sono molto particolari perché hanno una caratteristica a gradini e sono facili da scalare per poter visitare anche la parte retrostante la spiaggia che merita davvero di essere vista in silenzio, perché anche se può sembrare ridicolo in certi casi è davvero la natura a parlare! 

Madame dragonfly, le libellule ed altri animali nel loro habitat e a volte nei selfie 🙂
La Bobba a Carloforte, insenatura laterale
Grotte nascoste alla spiaggia
 

E non finisce qui, nell’isola di Carloforte va considerato il paesaggio e le varie spiaggie tra cui Le Due Colonne ( che non ho avuto modo di visitare purtroppo ), in quanto riservano una piscina naturale su un fondale roccioso profondo svariati metri e dal quale è possibile tuffarsi, immergendosi in un paesaggio di sabbia e pesci davvero suggestivo!

Il paese di Carloforte invece lo posterò tra qualche giorno, perché merita una piccola nota per via dei suoi vicoli colorati, e romantici.. pieni di fiori.. e gradini.. quasi quasi da piccolo servizio fotografico glamour! 

A presto! 

E Buona giornata a tutte!😘

Mei.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s